Dayananda Saraswati Età, decesso, moglie, casta, famiglia, biografia e altro

Dayananda Saraswati



Bio / Wiki
Nome di nascitaMul Shankar Tiwari
Professione• Filosofo
• Leader sociale
Famoso perEssere il fondatore di 'Arya Samaj'
Carriera religiosa
Insegnante (Mentore)Virajanand Dandeesha (noto anche come il saggio cieco di Mathura)
Movimenti notevoli• Arya Samaj
• Movimento Shuddhi
• Ritorno ai Veda
Pubblicazioni notevoli• Satyarth Prakash (1875 e 1884)
• Sanskarvidhi (1877 e 1884)
• Yajurved Bhashyam (dal 1878 al 1889)
Influenzato da• Canada
• Yaska
• Kashyapa
• Patanjali
• Panini
• Kapila
• Akshapada Gautama
• Aristotele
• Socrate
• Zoroaster
• Badarayana
• Adi Shankara
• Ramanuja
Influenzato• Signora Cama
• Pandit Lekh Ram
• Swami Shraddhanand
• Shyamji Krishna Varma
• Vinayak Damodar Savarkar
• Lala Hardayal
• Madan Lal Dhingra
• Ram Prasad Bismil
• Mahadev Govind Ranade
• Mahatma Hansraj
• Lala Lajpat Rai
Vita privata
Data di nascita12 febbraio 1824 (giovedì)
Luogo di nascitaJeevapar Tankara, Company Raj (attuale Mobi District in Gujarat, India)
Data di morte30 ottobre 1883 (martedì)
Posto di morteAjmer, Ajmer-Merwara, India britannica (l'attuale Rajasthan, India)
Età (al momento della morte) 59 anni
Causa di morteAssassinio [1] India culturale
segno zodiacaleAcquario
Nazionalitàindiano
Città nataleTankara, Kathiawad, Gujarat, India
Titolo di studioEra uno studioso autodidatta e leggeva i Veda sotto la guida di Swami Virajananda. [Due] India culturale
Religioneinduismo
CastaBramino [3] Induismo contemporaneo: rituale, cultura e pratica a cura di Robin Rinehart, Robert Rinehart
Controversie• Alcuni autori hanno definito le opinioni di Swami Dayanand come radicali e militanti. Mentre faceva un commento sulla natura militante di Arya Samaj, Lala Lajpat Rai ha detto: 'L'Arya Samaj è militante, non solo esternamente - cioè, nel suo atteggiamento nei confronti delle altre religioni - ma è ugualmente militante internamente'. [4] Educazione missionaria e impero nella tarda India coloniale di Hayden J A Bellenoit

• Gli scritti di Dayananda Saraswati sono spesso considerati di natura polemica. Commentando i suoi scritti, il noto storico A. L. Basham dice: “L'induismo si è offensivo per la prima volta da secoli a Dayananda. Fu anche un potente combattente per la causa della 'Chiesa' da lui fondata e fece accesi discorsi polemici contro i suoi oppositori '. [5] Le origini e lo sviluppo dell'induismo classico di Arthur Llewellyn Basham

• Molti storici e autori hanno criticato Dayananda per il travisamento delle altre religioni. Nel suo libro 'Risposta indù al pluralismo religioso', P. S. Daniel dice: 'Più spesso nella critica di Dayananda alle altre religioni e all'interpretazione delle loro scritture, non è stata la razionalità a guidarlo, ma la malizia e il rancore'. [6] Risposta indù al pluralismo religioso di P. S. Daniel

• Dopo aver letto Satyartha Prakash di Dayananda Saraswati nel 1942 nella prigione di Yerwada, Mahatma Gandhi lo definì 'il libro più deludente'. Gandhi ha scritto in Young India: “Ho letto Satyartha Prakash, la Bibbia di Arya Samaj. Gli amici me ne hanno mandato tre copie mentre stavo riposando nella prigione di Yarwada. Non ho letto un libro più deludente di un riformatore così grande. Ha affermato di difendere la verità e nient'altro. Ma ha inconsciamente travisato il giainismo, l'islam, il cristianesimo e lo stesso induismo. Uno che ha anche una conoscenza superficiale di queste fedi potrebbe facilmente scoprire gli errori in cui è stato tradito il grande riformatore '. [7] newsbred.com

• Proprio come le attività di proselitismo dei missionari cristiani e degli insegnanti musulmani, che lo stesso Dayananda aveva criticato, ha introdotto una nuova arma chiamata Shuddhi o la cerimonia di riconversione. [8] Il verbale delle notizie
Relazioni e altro
Stato civile (al momento della morte)Impegnato

Nota: Dopo essere stato fidanzato nella sua prima adolescenza, è fuggito di casa per tenersi lontano dal matrimonio e ha trascorso il resto della sua vita da celibe. [9] India culturale
Famiglia
Moglie / coniugeN / A
Genitori Padre - Karshanji Lalji Kapadi (un esattore delle tasse nella Compagnia Raj) [10] NDTV
Madre - Yashodabai
FratelliAveva una sorella minore che morì di colera. [undici] Il pioniere

Una foto immaginaria di Dayananda Saraswati





sandeep maheshwari wikipedia l'enciclopedia libera in hindi

Alcuni fatti meno noti su Dayananda Saraswati

  • Dayananda Saraswati, noto anche come Swami Dayananda Saraswati, era un filosofo indiano e riformatore sociale noto soprattutto per essere il fondatore di un movimento di riforma sociale chiamato 'Arya Samaj'.
  • Trascorse tutta la sua vita a criticare il dogma e la superstizione prevalenti nell'induismo dell'epoca e espresse pesantemente la sua opinione contro i rituali inutili, l'idolatria, i sacrifici animali, il consumo di carne, le offerte fatte nei templi, le frodi sacerdotali, i pellegrinaggi e la discriminazione contro le donne; attraverso il suo celebre libro 'Satyarth Prakash'.

    Satyarth prakash

    Satyarth prakash

  • Dayananda è nato come Mul Shankar Tiwari in una ricca famiglia di bramini a Tankar, Gujarat. Suo padre, Karshanji Lalji Kapadi, era una persona influente che lavorava nella Compagnia Raj come esattore delle tasse.
  • Trascorse la sua infanzia nel lusso e la sua famiglia, che era un ardente seguace di Lord Shiva, aveva iniziato a curarlo in vari rituali brahmanici, la pietà e la purezza e l'importanza del digiuno sin dalla tenera età.
  • Quando Mul Shankar aveva otto anni, fu eseguita la cerimonia di 'Yajnopavita Sanskara' (l'investitura del 'nato due volte'), e così Mul Shankar fu formalmente introdotto nel mondo del Brahmanesimo.
  • All'età di 14 anni, era diventato una figura rispettata nella sua località e aveva iniziato a recitare versi religiosi ea prendere parte a dibattiti religiosi. Secondo quanto riferito, durante uno di questi dibattiti il ​​22 ottobre 1869 a Varanasi, a cui parteciparono oltre 50.000 persone, Mul Shankar sconfisse 27 studiosi e 12 pandit esperti. L'argomento principale del dibattito era 'I Veda sostengono l'adorazione della divinità?'
  • Il curioso Mul Shankar iniziò a osservare questi rituali con molta onestà e presto divenne lui stesso un ardente seguace di Lord Shiva. Spesso sedeva sveglio tutta la notte di fronte all'idolo di Lord Shiva. Durante una di queste notti di Shivaratri (una festa indù, che è considerata la prima notte di nozze di Lord Shiva e Parvati) nel 1838, osservò che un topo salì sullo Shiva Linga e iniziò a mangiare le offerte a Dio. Questo incidente lo ha fatto riflettere sull'esistenza di Dio, e ha messo in dubbio che se Lord Shiva non poteva difendersi da un minuscolo topo, allora come avrebbe potuto essere chiamato il salvatore del mondo. [12] Il pioniere
  • L'incidente del topo di quella notte di Shivaratri ha dato una nuova direzione ai pensieri di Mul Shankar verso la religione, in particolare l'induismo, e ha iniziato a interrogare i suoi genitori sulla religione e sui vari rituali prevalenti.
  • Il desiderio di prendere Sanyasa (una vita ascetica) gli era venuto per la prima volta all'età di 14 anni, quando aveva assistito agli incidenti della morte di sua sorella, che era due anni più giovane per lui, a causa del colera, e una delle morte di suo zio ha cementato la sua incredulità in rituali inutili e idolatria. Dopo aver visto i loro corpi senza vita, si disse,

    Un giorno dovrò anche affrontare la morte. Devo dedicarmi alla via della salvezza. '



  • Per distogliere la sua mente, i suoi genitori lo fidanzarono nella sua prima adolescenza, ma Mul Shankar non voleva sposarsi e fuggì di casa nel 1846. Rinunciò al comfort materiale e iniziò a vagare come un asceta.
  • Dopo il suo Diksha (battesimo) da Swami Purnananda Saraswati sulle rive del Narmada, divenne un Sanyasi formale all'età di 24 anni. Fu Swami Purnananda a dargli il nome Dayananda Saraswati. [13] Il pioniere
  • Dopo il suo battesimo, iniziò a partecipare a dibattiti con diversi studiosi in tutto il paese. Durante questo periodo, incontrò Swami Virjananda a Mathura e divenne suo discepolo. Lo stesso Virjananda era un critico degli ortodossi prevalenti nell'induismo e incoraggiò Dayananda a leggere i Veda. Durante i suoi ultimi giorni, Swami Virjananda disse a Dayananda di:

    Distruggi l'avidya (ignoranza) sui Veda e diffondi il vero dharma vedico nel mondo '.

  • Ispirato dagli insegnamenti di Swami Virjananda, Dayananda ha deciso di dedicare tutta la sua vita alla rimozione delle impurità nell'induismo.

    Dayananda Saraswati nel 1867

    Dayananda Saraswati nel 1867

  • Dayananda Saraswati viaggiò attraverso l'India per diffondere il messaggio dei Veda, inclusi gli ideali vedici di Brahmacharya (celibato) e la devozione a Dio. Ha chiamato l'intera nazione a 'tornare ai Veda'. Il suo messaggio di 'ritorno ai Veda' ha avuto un profondo impatto su molti filosofi e pensatori di quel tempo.
  • Durante una breve visita a Calcutta, incontrò Ramakrishna Paramahansa (guru di Swami Vivekananda ) e il fondatore di Brahmo Samaj Keshav e dei suoi seguaci. Tuttavia, non era d'accordo con le loro filosofie e dopo la sua visita a Calcutta, il 10 aprile 1875 fondò a Bombay l'Arya Samaj, un'organizzazione che divenne la prima organizzazione indù a introdurre il proselitismo nell'induismo.
  • I principi fondanti dell'Arya Samaj sono l'uguaglianza e la giustizia per tutti gli individui; indipendentemente dalla loro casta, classe, sesso e nazionalità. Nei suoi dieci principi, Arya Samaj ha sancito il suo ideale principale come:

    Tutte le azioni dovrebbero essere eseguite con l'obiettivo principale di avvantaggiare l'umanità '.

  • Oggi, l'Arya Samaj ha la sua presenza in molti paesi in tutto il mondo, come Stati Uniti d'America, Canada, Trinidad, Messico, Regno Unito e Paesi Bassi.
  • Dayananda Saraswati era una forte sostenitrice dei diritti delle donne e aveva respinto con veemenza la dottrina brahmanica secondo cui le donne non dovrebbero leggere i Veda. Ha anche sostenuto il matrimonio della vedova e molti altri diritti sociali che alle donne non erano stati concessi in quel momento.
  • Nel 1876, quando pronunciò per la prima volta l'appello per 'Swaraj' (India per gli indiani), ispirò molti combattenti per la libertà indiani, tra cui Lokmanya Tilak che svolse un ruolo cruciale per promuovere questo appello per 'Swaraj'.
  • Dayananda è anche noto per la sua analisi critica anche di altre religioni, come cristianesimo, islam, buddismo e giainismo.
  • Affermò che molte storie della Bibbia incoraggiano il peccato, l'inganno, l'immoralità e la crudeltà. Definì Gesù Cristo un selvaggio e un inganno. Ha anche messo in dubbio la logica dietro la perpetua verginità di Maria; aggiungendo che tali dottrine si oppongono semplicemente alla natura della legge. [14] Dayānanda Sarasvatī, la sua vita e le sue idee di J. T. F. Jordens Dayananda scrive:

    Sembra che Maria abbia concepito per mezzo di un uomo, e lui o qualcun altro ha rivelato che il concepimento era per mezzo di Dio. Salve Gesù! Quello che la scienza ti ha detto che le stelle cadranno. Se Gesù avesse avuto un po 'di educazione, avrebbe saputo che le stelle sono mondi e non possono cadere. I matrimoni vengono celebrati nel paradiso dei cristiani. Fu lì che Dio celebrò il matrimonio di Gesù Cristo. Chiediamo chi erano suo suocero, suocera, cognato, ecc.? '

    età dev (attore)
  • Dayananda ha anche condannato gli insegnamenti del Corano che promuove guerre e immoralità. Dubitava persino che l'Islam avesse qualcosa a che fare con Dio. Ha anche condannato il Corano per essere la 'parola di Dio', piuttosto lo ha definito un'opera umana. [quindici] aryasamajjamnagar.org Lui dice -

    Il Corano non è stato creato da Dio. Potrebbe essere stato scritto da qualche persona ingannevole e fraudolenta. '

  • Sebbene si complimentasse con Guru Nanak per il suo nobile scopo, lo considerava 'non molto istruito' e criticava anche il Sikhismo per aver proiettato Guru Nanak con poteri miracolosi. [16] God Save India di V. S. Godbole
  • Dayananda Saraswati vedeva il giainismo come 'una delle religioni più spaventose'. Ha definito i giainisti ostili e intolleranti verso i non giainisti. [17] Gandhi sul pluralismo e il comunalismo di P. L. John Panicker Lui dice -

    Tutti i santi Jaina, i familiari e i Tirthankara sono dati alla prostituzione, all'adulterio, al furto e ad altri mali. Colui che si assocerà a loro avrà anche una sorta di mali nel suo cuore; quindi diciamo che i giainisti sono annegati nell'inferno della condanna e del fanatismo religioso '.

  • Dayananda ha criticato pesantemente le pratiche superstiziose, come la stregoneria e l'astrologia. In Satyarth Prakash, scrive:

    Tutti gli alchimisti, i maghi, gli stregoni, i maghi, gli spiritisti, ecc. Sono imbroglioni e tutte le loro pratiche dovrebbero essere considerate nient'altro che una vera frode. I giovani dovrebbero essere ben consigliati contro tutte queste frodi, nella loro stessa infanzia, in modo che non possano soffrire per essere stati ingannati da persone senza principi '.

    altezza e peso di barack obama
  • Secondo quanto riferito, prima del suo assassinio nel 1883, erano già stati fatti molti tentativi infruttuosi. [19] I più grandi veggenti e filosofi del mondo di Clifford Sawhney I suoi sostenitori credono che sia sopravvissuto a molti tentativi di somministrargli del veleno a causa della sua pratica regolare di Hatha Yoga. Secondo una di queste storie, quando alcuni aggressori cercarono di annegarlo in un fiume, Dayananda, in una reazione contraria, li trascinò tutti nel fiume; tuttavia, li ha rilasciati prima che annegassero. [venti] Ricordando i nostri leader, Volume 4 di Bhavana Nair Un'altra storia afferma che quando un gruppo di aggressori musulmani, offesi dalle sue critiche all'Islam, lo gettò nel fiume Gange mentre Dayananda stava meditando sulla sua riva, rimase sott'acqua per lunghe ore con l'aiuto del Pranayam fino a quando gli aggressori se ne andarono. il punto.

    Una foto reale di Dayananda Saraswati

    Una foto reale di Dayananda Saraswati

  • Nel 1883, quando Dayananda Saraswati visitò il Maharaja di Jodhpur, Jaswant Singh II, su invito di Maharaja, che voleva diventare suo discepolo, consigliò al Maharaja di rinunciare al ballerino di corte di nome Nanhi Jaan con cui Maharaja trascorreva il suo tempo di qualità. Ha offeso Nanhi Jaan e ha cospirato per uccidere Dayananda corrompendo il cuoco di Dayananda Jagannath che ha mescolato piccoli pezzi di vetro nel latte di Dayananda. Dopo aver consumato il latte, Dayananda si ammalò e sviluppò grandi piaghe sanguinanti. Più tardi, Jagannath ha confessato la sua colpa e Dayananda lo ha perdonato. Divenne costretto a letto e dopo diversi giorni di dolore e sofferenza, morì la mattina del 30 ottobre 1883 a Monte Abu.
  • Dopo la sua scomparsa, molte istituzioni hanno preso il suo nome, come centinaia di scuole e college DAV, Maharshi Dayanand University (MDU) a Rohtak, DAV University a Jalandhar e molti altri.

    DAV College Lahore

    DAV College Lahore

  • Nel 1962, il governo indiano ha rilasciato un francobollo postale in onore di Dayananda Saraswati.

    Dayananda Saraswati timbro postale emesso dal governo indiano nel 1962

    Dayananda Saraswati timbro postale emesso dal governo indiano nel 1962

  • Il 24 febbraio 1964, in occasione di Shivaratri, l'allora presidente dell'India Sarvapalli Radhakrishnan, scrisse in suo elogio:

    Swami Dayananda si è classificato al primo posto tra i creatori dell'India moderna. Aveva lavorato instancabilmente per l'emancipazione politica, religiosa e culturale del Paese. Era guidato dalla ragione, riportando l'induismo alle fondamenta vediche. Aveva cercato di riformare la società con una piazza pulita, che era di nuovo necessaria oggi. Alcune delle riforme introdotte nella costituzione indiana erano state ispirate dai suoi insegnamenti '.

Riferimenti / Fonti:[ + ]

1, Due, 9 India culturale
3 Induismo contemporaneo: rituale, cultura e pratica a cura di Robin Rinehart, Robert Rinehart
4 Educazione missionaria e impero nella tarda India coloniale di Hayden J A Bellenoit
5 Le origini e lo sviluppo dell'induismo classico di Arthur Llewellyn Basham
6 Risposta indù al pluralismo religioso di P. S. Daniel
7 newsbred.com
8 Il verbale delle notizie
10 NDTV
undici, 12, 13 Il pioniere
14 Dayānanda Sarasvatī, la sua vita e le sue idee di J. T. F. Jordens
quindici aryasamajjamnagar.org
16 God Save India di V. S. Godbole
17 Gandhi sul pluralismo e il comunalismo di P. L. John Panicker
18 Nazionalisti indù dell'India moderna di Jose Kuruvachira
19 I più grandi veggenti e filosofi del mondo di Clifford Sawhney
venti Ricordando i nostri leader, Volume 4 di Bhavana Nair